.
Annunci online

watergate Vicino ad Ambienti del Social Network
14 ottobre 2004

++ SODOMIZZO GATTI CON MEZZI MECCANICI + INTERVISTA CON VALMADLENE

Torniamo con le interviste, oggi abbiamo ValMadlene, una rockettara fintamente alcolista, che si dichiara seguace del Maestro Osho Rajnesh. E’ bionda, e in qualche modo mi ricorda Alf, il mio cane pastore tedesco. MA solo per l’intelligenza, davvero eccezionale. Il fatto che poi Alf l’abbiamo fatto sparare non c’entra nulla col destino di ValMadlene. Anzi, è lei che spara voi quotidianamente e ancora non l’avete capito.

Partiamo subito con alcune curiosità. Come mai hai aperto un blog? C’entra qualcosa il fatto che ti definisci scrittrice?


Una domanda seria? Oh, noooo….

Vabbeh, ci provo: Sono arrivata tramite MediaQuotidiano. Infervorata d’umana e civil passione dopo aver letto una tirata di Adinolfi contro il giornalismo embedded, ho deciso di scrivere una lettera al direttore per ringraziarlo.

Giunta sul suo blog (che ho subito intasato di commenti cazzoni) ho pensato che fosse educato aprire la porta di casa mia ed invitare chi tanto gentilmente mi aveva ospitato. … …[Water, guarda che se mi fai domande seriose non ci legge nessuno! Non ci credi? Faccio una prova e vediamo]. … … Non mi definisco “scrittrice”. Mi ci definiscono altri. E chi sono io per smentirli? Di notte sodomizzo gatti con mezzi meccanici. [lo vedi che non ci legge nessuno? Non sento protestare]

Qualcuno anche “autrice”, visto che ho lavorato a Canalelavoro come quella volta che presi a martellate sui mignoli mia nonna perché non voleva lasciarmi usare la sua dentiera come schiaccianoci.


Il tuo blog ha raggiunto oltre 9000 contatti, sono abbastanza. Quanto ha influito mettere la foto di questa ragazza bionda (andate nel suo blog a vederla cazzoni)?


Oggi  il mio blog compie 4 mesi ed oltre 9000 contatti, è vero. Tu sei qui, come altri (anche se unico ed irripetibile, mio caro! …eheheh…): Quanto ha influito sapere che quella ragazza bionda della foto sia proprio io?


Quindi neghi di essere tu? Infatti mi avevano detto che in realtà somigliavi a Betty la Cozza…


Citando Elio: “Anche la merda non è così brutta come la si dipinge”.

P.S. Vieni a controllare, se hai il coraggio! ;o)


Scorrendo il tuo blog vedo che è commentato da gente tutti i tipi, ma raramente sono delle donne. Si va dai cantanti rock ai consigliatori di letture, dai finti giornalisti a quelli che vorrebbero esserlo, da chi insulta credendosi bello a chi è bello senza bisogno di insultare, da chi mette baci a chi ti muore dietro mettendo strani emoticon in stile Candy Candy, dai monostellinatori ai clonatori, dai clonati ai monostellinati. Ecco, ti sarai fatta un’idea di tutto ciò, cosa pensi dei tuoi visitatori?


D’istinto ti direi che tira più un… ehm…

In realtà ci sono anche e soprattutto “personcine a modo”. Ho incontrato persone in gamba, intelligenti, stimolanti e sinceramente affettuose. Il bilancio è decisamente positivo.

Il bello, comunque, è che ognuno di quei lettori attratti prevalentemente dalle mie biondone fattezze consideri se stesso assolutamente impegnato in un “puro corteggiamento che rispetti la mia individualità di donna intelligente e moderna”, mentre ritenga tutti gli altri una simpatica massa di stronzi…


Ti colpisce sapere che io frequento il tuo blog non per corteggiarti, ma per
evitare che tu corteggi me?


E dire che io volevo iniziare a corteggiarti perché la smettessi tu! Strana la vita, eh?


Il solito casino, succede sempre così. Passiamo alle tue rubriche: Idiomatica. E’ un bel nome, ma che cazzo c’entra con gli argomenti che tratti? La più bella è Oggi me La prendo con…, ma è ferma al 2 agosto di quest’anno. È possibile avere degli aggiornamenti a breve? E chiamare una rubrica Storie non è troppo pretenzioso, chi ti credi di essere Cornelio Tacito?!!! J

 

Ho una rubrica che si chiama “Idiomatica”??? Ma veramente?!? Fammi un po’ andare a vedere…

… aspetta, eh… sto leggendo…… … Una cazzata, si…

“Oggi me la prendo con” ricomincerà a vivere presto: la adoro!

“Storie”come nome  è più che pretenzioso, ma dai, in fondo mica vorrai prendermi sul serio! L’hai vista la foto, no?… sono bionda…


Un giorno, a cena, mi hai detto di essere totalmente schierata a sinistra. Va da sé che ognuno ha i suoi difetti e non c’è psicologo che tenga, come motivi questa tua posizione? Per essere un blog di sinistra è molto moderno e antitetico: da una ricerca risulta che non hai mai nominato né Berlusconi né D’Alema, complimenti! Sarai mica comunista???

 

“Per essere un blog di sinistra è molto moderno e antitetico”… Moderno? Antitetico? …ehm…Beh, ecco…Water, si…ma anche anafilattico, sudoriparo e cromato, non credi? … …

In ogni caso, forse parlavo col boccone in bocca: non ho mai detto che il mio sia un blog di sinistra. Sono io, ad essere una persona di sinistra. Questo spazio  per me rappresenta solo una finestra tramite la quale comunico con il mio stile spesso passionale, a volte invece più cerebrale, comunque  sempre ironico ed irriverente,il mio modo di vivere e di osservare, ma mai “pesare”, la realtà. Di politica mi piace parlare a quattr’occhi con persone animate da passione civile e competenti, dotate di una profonda cultura storica e seria capacità analitica. Detesto le chiacchiere da bar sugli argomenti seri. La politica è uno dei più seri che conosca. Come “scrittrice” faccio satira di costume e non politica perché, in quanto quasi- sociologa (e altrochecazzona) , ritengo di possedere qualche strumento in più.

Al massimo mi permetto qualche battuta con citazione trasversale, tipo questa, postata il mio primo giorno da blogger, all’indomani delle europee, subito dopo Danimarca-Italia:

La partita più noiosa del mondo

E' finita 0 - 0. (anche lei)

"Una vittoria piena e meritata" - ha commentato il portavoce degli azzurri Bondi


Me lo sono perso, non avevo ancora visto la foto evidentemente, ma è il miglior epigramma scritto sul blog… comunque hai rimediato, parlando di Berlusconi proprio l’altro ieri. Che palle… vediamo L’estate scorsa,  Pepero di Porto Cervo, mentre io chiacchieravo con Antonio e Sandro, i barman, ti sei messa a parlare di argomenti seri. C’era Bridget Fonda che ci guardava male, per non dire di Leonardo Del vecchio incazzato come una iena. Prendesti un discorso… tipo su Iraq e Kerry, ma ancora una volta, devo ammetterlo, né Iraq, né Kerry sono argomenti trattati del tuo blog. Per farti parlare di cose serie è necessario:

a)   bruciarti viva

b)   condurti dinanzi alla Cappella Sistina

c)   prendere qualche lezione dal sottoscritto

d)   chiudere il blog

In ogni caso, che idea ti sei fatta della situazione di cui sopra.


Me la ricordo bene quella sera. Quel fottuto stronzo d’un cinese c’aveva fregati con della robaccia scadente: la chetamina aveva cominciato ad entrarmi in circolo solo dopo che avevo passato venti minuti a leccare una dozzina di rane al pistacchio. E’ proprio vero: questi orientali si somigliano tutti. Cosa avrei dovuto fargli? Infilargli della ‘nduja calabra su per il culo? Cantargli “non dirgli mai” di Gigi d’Alessio? Ho optato per stordirlo con la lettura del mio ultimo opuscolo “69 verità sull’Iraq” (disponibile nelle migliori macellerie).

Leo tentava di rifilare quote di Luxottica a Bridget, non avendole mai perdonato “Morti di salute” (come dargli torto?). Antonio e Sandro, i barman, quella notte erano la stessa persona.

Per farmi parlare di cose serie (cosa che in realtà di tanto in tanto tendo a fare, pur usando toni faceti) è necessario:

a)   bruciarmi viva dinanzi alla Cappella Sistina (per sentirmi parlare di economia)

b)   condurmi nuda sotto la doccia dinanzi alla Cappella Sistina (per sentirmi parlare di politica)

c)   regalarmi la visione della prima puntata dei puffi su megaschermo dentro la Cappella Sistina (per sentirmi parlare di filosofia e religione)

d)   non sa, non risponde, ma in ogni caso si aggira nei pressi della Cappella Sistina nuda, con i capelli in fiamme, cantando la sigla dei puffi


Vuoi ancora sapere cosa pensi dell’Iraq? Mentre sintetizzo, Giovanni Paolo, passami il bagnoschiuma…

Lotta al terrorismo ed esportazione della Democrazia sono alibi e slogan propagandistici “buoni” per coprire il reali interessi degli USA: affrancarsi dalla dipendenza energetica dall’Arabia Saudita e mantenere una supremazia nel controllo politico dell’area Mediorientale (prima fra tutti su UE e Cina). Kerry piange lacrime di coccodrillo: non votò anche lui a favore dell’intervento?

Ora, Karol, massaggiami la schiena, dai…


L’altra mattina, a colazione, stavamo parlando di musica. Mi hai confessato di avere una passione per i Pink Floyd, il che, dicendomelo, equivale a chiedermi di rifare l’amore per altre tre volte. Tu canti in un gruppo, parlami della tua passione per la musica.

 

Possiamo pure riprovarci altre 3000, ma se non ce la fai nemmeno stavolta… ;o)

Non posso parlare della musica come se descrivessi il mio rapporto con una entità esterna, altra da me. E’ la prima cosa che accade appena apro gli occhi la mattina e l’ultima che mi accompagna a letto, la notte tardi (non dormo praticamente mai, lo sapevi?).

Canto qualsiasi cosa ed in continuazione. Col gruppo di cui sono corista (esordio al Big Mama di Roma il 26: Ommioddio!) faccio cover di Sting. Con quello di cui sono front-girl faccio dai Pink Floyd a Silvestri, da Cammariere ai Police, da pezzi demenziali miei a riarrangiamenti in chiave reggae-ska di pezzi famosi vari. Ho cominciato a studiare Jazz e poi canto rock. Al solito, insomma: acquisisco strumenti professionali seri  e li gioco in cazzate: il mio destino! Mi piacerebbe suonare il basso: esprime il battito vitale delle cose, il respiro che pulsa in ciò che non si può rinchiudere in parole.


In pratica vorresti scopare uno strumento musicale, bene, bene.Rimaniamo in termini di desideri ancestrali. Ci sono blog che ti fanno una corte spietata. A parte il fatto che non saranno mai come me, cosa consigli di fare a questi bloggers?


Quando si scopa (e quando si fa l’amore, ancora di più) si è uno strumento musicale.

[Il primo che fa battute sugli strumenti a fiato, vede…]

Cosa consiglierei? Non sarò esplicita, ma solo per non condizionare la creatività altrui. Ognuno sa cosa gli arrechi particolare piacere. Come dire: senza rancore e buon divertimento!


Parliamo di altri bloggers, quali leggi abitualmente e dammi un sintetico giudizio su di loro.


Primo MONTAG: l’amico con cui in assoluto ho l’intesa più rapida. Di una intelligenza sconcertante, dal vivo ancora più che per iscritto. Con lui ho una complicità intellettuale preziosa. In più è una delle persone a cui voglio più bene al mondo ( sono rare)

Adoro INVARCHI: Geniale ma mai cervellotico. Impegnato e passionale. Dalla sensibilità profonda. Penso sia una persona onesta e sincera, sicuramente un gentleman. Uno dei pochissimi bloggers che desidererei davvero poter guardare negli occhi.

Il CENSORE. Ironia fulminante e cinica a dispetto d’ogni buonismo. Ma in fondo un sentimentale.

La CONGREGA DELLA SPIGA: per mare a bordo di “Sofia” (non dico di più, ma toglierò il saluto a quanti non siano in grado di dimostrarmi di averlo visitato)

PROIETTILIPERSCRITTORI:di cui sono appassionata lettrice ed indegna editor. Pubblica “Fuoco ci vuole” un romanzo ricco di pathos, immagini spiazzanti e ritmi da levare il fiato.


Devo dedurre che non mi leggi abitualmente?? E che diavolo ci vuoi fare con uno come me?? E perché non leggi anche tu Panther e Ricordiamocene. E poi lo sanno tutti che Censore è un clone dei tanti dello stesso proprietario…


Vuoi le coccole, eh? E sia. Te l’ho detto in via privata e te lo ripeto volentieri in pubblico: è raro trovare una persona di destra che sia in grado di fare satira ed ironia con onestà ed intelligenza. E’ un piacere, per me, leggerti e commentarti, perché riusciamo a conservare lo stesso tono cazzone pur dibattendo su posizioni spesso opposte. E poi, detto banalmente, ma ci sta anche questo: mi fai ridere parecchio, è una gran dote.

P.S. Chi ti dice che non li legga?Ma i loro sono blog con un taglio molto preciso. In gamba, ma “prevedibili”nelle tematiche. Io preferisco lasciarmi sorprendere sia dai toni  che dalle argomentazioni. Jac ho avuto il piacere di conoscerlo personalmente: ha un lato ironico-leggero molto piacevole. Ognuno mette nella vetrina del suo blog quello che vuole, ma non necessariamente riassume se stesso. Panther lo conosco poco, ma a volte lo lascerei affettuosamente in una pozza di sangue. P.P.S. Non mi toccare il censore e stai attento a te: sai cosa succede a chi viene a conoscenza dell'identità del supereroe? Non arriva vivo alla fine del film...


Bene ti ringrazio, passami quell’asciugamano. E nel frattempo indica un post che vale la pena leggere.


Ironico: “Oggi me la prendo con Vanity Fair” (http://valmadlene.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=212234)

Pulp: “Attimo pulp”

(http://valmadlene.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=209026)

Ubriaco-sentimentale: “Roma ubriaca (non lei, io…)”

(http://valmadlene.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=214603)


Va bene, grazie, non capirò mai perché voi comunisti indicate sempre più post quando ve ne chiesto uno! Di nuovo i pantaloni bianchi????  (ps. i link non li metto fin quando li metterete pure voi per me, cazzoni, eccetto Montag, che non sono nemmeno Giocondo.)

condividi:
permalink inviato da | commenti 27 | Versione per la stampa stampa
settembre        novembre
in evidenza

29 dicembre 2010 La fine dell'anno La fine dell'anno è arrivata. Il primo decennio del  XXI secolo si è concluso. Ho riascoltato i discorsi di fine anno dei nostri Presidenti della Repubblica. Qualcuno leggeva altri andavano a memoria. Gli argomenti? Disoccupazione, emigrazione, terrorismo, studenti, assassini comuni e politici.  la costanza di tali elementi  mi è ... (continua) Leggi tutto

chi sono
watergate
I libri per chiarelettere

I nuovi mostri
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

Italiopoli
Oliviero Beha





Scheda libro
Acquista online

prossimi appuntamenti
Tutti gli appuntamenti
links
ultimi post
archivio



Blog letto 1 volte
bacheca


BOOKMARK_

 Subscribe in a reader

Subscribe by Mail
Directory of Satire Blogs
Subscribe in Bloglines
Add to Google Reader or Homepage  

STATS_



blog letto 1 volte